Cesare nasconde la sua gioia e si finge addolorato e sdegnato ricordando la parentela che lo legava a lui. Con la morte di Crasso in Partia e la dirompente campagna cesariana Roma si spinge sull’orlo della guerra civile, strappando il suo tessuto sociale fra i sostenitori di Pompeo e quelli di Cesare. 4.7 Il mancato rinnovo dell’alleanza matrimoniale tra Cesare e Pompeo 127 4.8 Da Musa della pace a Furia della vendetta: Giulia nel poema di Lucano 129 . Anteprima del testo. Ripreso l'inseguimento e la guerra contro i pompeiani, Cesare si recò in Siria per combattere contro Farnace, alleato di Pompeo e reo di avere ucciso le scarse guarnigioni romane: nel 47 a.C. lo sconfisse a Zela (da qui il famoso messaggio al Senato "Veni Vidi Vici"). CAETANI, Cesare.. - Nacque da Antonio, signore di Filettino, e da Caterina Colonna, della potente famiglia romana, nell'ultimo ventennio del sec. Il Senato elesse Pompeo Capitano Generale della Repubblica e questo suscitò non poche ire e perplessità nell’altro contendente Cesare che, tra l’altro, era il suocero di Pompeo, in quanto costui aveva sposato la figlia Giulia. legati da vincoli di parentela (Pompeo aveva sposato Giulia, figlia di Cesare), perciò il conflitto è definito plus quam civile. Quest’ultimo, ripiegato con l’esercito a Ravenna, prese stanza e pianificò il da farsi. Per questa sua fama di stregone e per l'inimicizia con Cesare finì in esilio dove morì nel 45 a.C.. Grammatici e retori I due erano uniti da un vincolo reale di parentela. ; 10, 305 ss.) Pompeo fuggì in Dalmazia, dove fu raggiunto da Cesare e sconfitto a Farsalo nel 48: fuggito in Egitto, Pompeo trovò lì la morte per mano di Tolomeo XII. Scoprite gratuitamente l'albero genealogico di Cesare Pompeo Castelbarco Visconti Simonetta per sapere tutto sulle sue origini e la sua storia familiare. Le sue conquiste militari in Gallia Transalpina estesero l'Impero Romano fino all'Oceano Atlantico e al Reno. Negli Annales Tacito racconta la morte di Lucano con queste parole: Quindi (l’imperatore Nerone) ordina l’uccisione di Anneo Lucano. Traduzione in italiano del testo originale in latino del Libro 01; paragrafi 01-10 dell'opera De bello civili di Giulio Cesare De Bello Civili, I, 3 Pompeo, incitato dagli avversari di Cesare e poiché non voleva che nessu-no gli fosse pari per prestigio, si era del tutto allontanato dalla sua amici- zia e si era riconciliato con comuni av-versari, che, in gran parte, egli stesso aveva procurato a Cesare al tempo della loro parentela. Cesare era, infatti, suocero di Pompeo, avendo quest’ultimo sposato Giulia, figlia di Cesare. Lo stesso Pompeo, incitato dagli avversari di Cesare e poiché non voleva che nessuno gli fosse pari per prestigio, si era del tutto allontanato dalla sua amicizia e si era riconciliato con comuni avversari, che, in gran parte, egli stesso aveva procurato a Cesare al tempo della loro parentela. Pompeo, così come Cesare, sono personaggi che hanno limiti umani, e storici, che agiscono in base alla propria volontà; Enea, al contrario, compie un destino, asseconda le linee di un disegno divino, non è dotato di una propria volontà, ma esegue un piano elaborato altrove, il risultato di uno scontro impari tra forza contrarie, il fato, gli dei, l’ira di Giunone. Poco dopo che Pompeo entrò in carica, Cesare mostrò il desiderio di stringere con lui nuovi legami di parentela offrendogli in sposa la propria nipote OTTAVIA, ma Pompeo rifiutò il parentado e sposò invece CORNELIA, vedova di Publio Crasso e figlia di Q. Metello Scipione. L'opera narra la guerra tra Cesare e Pompeo in tre libri: i primi due raccontano gli eventi del 49 a.c., l'ultimo quelli del 48. Nell'ambito della fortuna letteraria dell'episodio che descrive l'ucci-sione di Priamo / Pompeo (Verg. (2) Fece dunque uscire l’esercito dal campo e lo schierò in ordine di combattimento, dapprima su posizioni sue, alquanto DIVVS)(13 luglio, 100 AC - 15 marzo, 44 AC) generale e uomo politico romano. • Libro X: Cesare è sedotto da Cleopatra, sorella di Tolomeo; visita poi la tomba di Alessandro Magno, che considera un suo predecessore. Allo scontro ha vinto Cesare. Contenuto, temi e stile. Cesare viene poi citato da un suo grande avversario, Marco Tullio Cicerone, nelle Filippiche, nelle Epistulae ad Atticum e nelle orazioni così dette cesariane (pro Ligario, pro Marcello, pro rege Deiotaro), dove sostiene di essere costretto ad affrontare il potere assoluto di Cesare ed infine dichiara di essere a favore della proroga dell’imperium di Cesare in Gallia. 66 LA STORIA. Si tiene un fastoso banchetto; segue una lunga discussione sulle sorgenti del Nilo con il sacerdote Acoro. Ortega Guerra civile tra cesare e pompeo fino alle idi di marzo Dinastia giulio claudia La crisi del 3 secolo e le riforme di diocleziano La fine dell'impero romano d'occidente e i regni romano -barbarici Archeologia dei paesaggi. Aen. Giulio Cesare sconfigge le truppe di Gneo Pompeo e di Tino Labieno con la batta-glia di Munda. Il suo legame di parentela con esponenti del partito democratico, Mario e Cinna, lo rese inviso a Silla. Cinq études réunies par Étienne Hubert Editeur : Ecole française de Rome Lieu de publication : Rome Année de publication : 1993 Collection : Collection de l'Ecole française de Rome 170 Format : XI-268 p.-[3] f. de cartes dépl. Eteocle e Polinice da un lato e Cesare e Pompeo dall’altro non basta a dimostrare – se non nei termini di una remota possibilità – che anche Seneca dovesse necessariamente vedere, o mirare ad evidenziare, tali analogie. Combattere le proposte e le pretese di Pompeo e di Cesare, senza graduare i mezzi e le resistenze, era astrattamente giusto, com'era giusto opporsi alle richieste dei cavalieri per la riduzione della somma a cui erano state appaltate le imposte asiatiche: ma osservava giustamente Cicerone che C. si comportava tamquam in Platonis, non tamquam in Romuli faece (Ad Att., II,1-8). Scipione è spinto dalla stessa speranza di avere in mano una provincia e degli eserciti; pensa, data la sua stretta parentela con Pompeo, di dividere con lui questo comando; nello stesso tempo ha timore di un processo; si aggiungano l’ostentazione e le adulazioni dei potenti, allora molto influenti nel governo e nei tribunali. Silio 'delatore' di Pompeo (Fan. Le sue truppe sono stanche, mentre le forze del nemico sono fresche e numerose. Piuttosto scarse e imprecise sono le notizie intorno al C., il quale è comunque personaggio da ricordare, poiché è con lui che comincia la decadenza del ramo di Filettino della famiglia Caetani. Nel frattempo a Roma era stato proclamato lo stato d’assedio. XV. - Località spagnola famosa per la battaglia ivi combattuta da Cesare contro Gneo Pompeo, figlio di Pompeo Magno, il 17 marzo del 45 a. C., e che segnò il totale disfacimento degli ultimi pompeiani. Per dirla in altri termini, se off. Dopo l'elogio, sviluppato nei primi tre libri, di Nerone, a partire dal IV libro la prospettiva si capovolge e matura una visione radicalmente pessimistica dell'ultimo secolo di storia romana. 2, 506 ss. La condanna di Lucano è violenta; non si è trattato di una guerra normale, ma di una guerra plus quam civile, poiché Pompeo e Cesare sono legati da vincoli di parentela. )1, vorrei segnalare una probabile duplice variazione su questo tema riscontrabile nei Punica che, pressoché inosservata e in … Ben presto Domizio, Scipione e Lentulo Spintere, nelle quotidiane discussioni sulla successione al pontificato di Cesare, giunsero pubblicamente a gravissime ingiurie verbali: Lentulo ostentava il privilegio dell’età, Domizio vantava il favore e l’autorità di cui godeva a Roma, Scipione confidava nella parentela con Pompeo. Era la guerra civile. 5, 328 ss. Auteurs : Cristina Carbonetti Vendittelli, Sandro Carocci, Étienne Hubert, Susanna Passigli, Marco Vendittelli Titre : Rome aux XIIIe et XIVe siècles. Il De bello civili. e poi risolverlo affrontando Cesare in battaglia. Lo stesso Pompeo, incitato dagli avversari di Cesare e poiché non voleva che nessuno gli fosse pari per prestigio, si era del tutto allontanato dalla sua amicizia e si era riconciliato con comuni avversari, che, in gran parte, egli stesso aveva procurato a Cesare al tempo della loro parentela. IL PRIMO TRIUMVIRATO. Coltivò le scienze esoteriche e acquisto la fama di stregone e di veggente (tra l'altro Lucano ce lo racconta mentre effonde presagi circa lo scoppio della guerra tra Cesare e Pompeo). I due eserci-ti si sono incontrati nelle pianure di Munda, Cesare ha attaccato e i soldati pom-peiani sono caduti mentre cercavano di … 3 5. La vittoria finale avvenne a Munda, in Spagna, dove Cesare sconfisse le ultime forze pompeiane riorganizzatesi (45). La lotta tra Cesare e Pompeo non è soltanto civile, ma addirittura tra consanguinei. Anzichè celebrare Roma e la sua grandezza Lucano, al contrario, presenta la guerra civile come un evento funesto che ha innescato la decadenza della Roma repubblicana. Proemio: Innanzi tutto Lucano definisce la guerra come "più che civile" a causa del rapporto di parentela tra Cesare e Pompeo. https://www.bimillenariogermanico.it/2019/03/15/le-ultime-parole-di-cesare Tornato a Roma, venne accolto con giubilo dal popolo e seguirono settimane di giochi per celebrare il trionfo militare. III libro, novembre 49-ottobre 48: Cesare torna per combattere Pompeo sulle coste dell’Epiro. truppe e lasciato passare abbastanza tempo dai combattimenti di Durazzo18 per conoscere bene l’atteggiamento dei soldati, Cesare pensò di saggiare se Pompeo aveva intenzione o desiderio di combattere19.