Per individuare quando è possibile differire il versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi bisognerà fare una verifica per gradi. A differenza del primo acconto, il secondo acconto del 30 novembre 2020 non può essere rateizzato, ed entro la fine di novembre bisogna versare l’importo integrale delle imposte dovute. Nessuna novità per dipendenti e pensionati, chiamati alla cassa entro il 30 novembre scorso. Non c’è la proroga del termine per pagare la terza rata dei contributi fissi dovuti sul minimale di reddito. RINVIO AL 30/04/2021 Ricorrendo le condizioni di cui sopra, il secondo acconto delle imposte 2020 potrà essere versato entro il 30 aprile 2021. Il rinvio dei versamenti del secondo acconto delle imposte sui redditi ed Irap si applica anche ai contributi INPS … Secondo quanto previsto dall’articolo 98 del decreto Agosto, i titolari di partita IVA che applicano gli ISA, inclusi i forfettari, possono versare il secondo o unico acconto delle imposte relative alla dichiarazione dei redditi 2020 entro il 30 aprile 2021, in caso di riduzione di fatturato o corrispettivi pari almeno al 33% nel primo semestre rispetto allo stesso periodo del 2019. Esclusi i soggetti non dotati di partita Iva come i soci, i collaboratori e gli associati che non si configurano come “soggetti esercenti attività d’impresa o arte e professione”. Il versamento del secondo acconto di Irpef, Ires e dell’Irap potrà essere effettuato entro il 30 aprile 2021. Con la pubblicazione del decreto legge n. 104, nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 14 agosto 2020, il cosiddetto decreto “Agosto”, il Governo ha adottato ulteriori interventi urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia. Proroga della seconda o unica rata dell'acconto sulle imposte sui redditi e dell'IRAP dal 30 novembre al 30 aprile 2021 per effetto del decreto Ristori bis. Per circoscrivere il perimetro del soggetti interessati dall’ulteriore proroga al 30 aprile 2021 è invece necessario andare per gradi. Proroga scadenze imposte 2020, quando si paga il secondo acconto, Informazione Fiscale S.r.l. Novembre 28, 2020 Novembre 27, 2020 Luigi Specchio Dott. Andiamo quindi per gradi per avere un quadro chiaro dei soggetti interessati dal rinvio dei versamenti. Non c’è la proroga del termine per pagare la terza rata dei contributi fissi dovuti sul minimale di reddito. La possibilità di applicare il metodo previsionale salva i contribuenti esclusi dalla proroga, che potranno pagare il secondo acconto sulla base del reddito presunto, a patto che venga versato almeno l’80% di quanto effettivamente dovuto. 104/2020 per i … Contributi Inps artigiani e commercianti: confermata la scadenza di oggi, 16 novembre 2020. Altri 100 milioni con la Legge di Bilancio, Bonus bancomat 2020: come funziona? Proroga secondo acconto imposte, dichiarazione dei redditi e Irap: rinvio al 10 dicembre 2020. La proroga si applica inoltre alle attività oggetto delle misure restrittive del Dpcm del 3 novembre e a quelle operanti nelle zone rosse, nonché per i ristoranti in zona arancione, a prescindere dal volume di fatturato e dall’andamento dello stesso. La proroga della seconda o unica rata dell'acconto sulle imposte sui redditi e dell'IRAP non non è per tutti i contribuenti, ma solo quelle attività che operano in uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto (zona rossa e zona arancione). Network, Proroga scadenze imposte 2020, quando si paga il secondo acconto, MEF - Ministero dell’Economia e delle Finanze, Empori ed altri negozi non specializzati di vari prodotti non alimentari, Commercio al dettaglio di tessuti per l’abbigliamento, l’arredamento e di biancheria per la casa, Commercio al dettaglio di filati per maglieria e merceria, Commercio al dettaglio di tende e tendine, Commercio al dettaglio di carta da parati e rivestimenti per pavimenti (moquette e linoleum), Commercio al dettaglio di elettrodomestici in esercizi specializzati, Commercio al dettaglio di natanti e accessori, Commercio al dettaglio di articoli da regalo e per fumatori, Commercio al dettaglio di mobili per la casa, Commercio al dettaglio di utensili per la casa, di cristallerie e vasellame, Commercio al dettaglio di macchine per cucire e per maglieria per uso domestico, Commercio al dettaglio di strumenti musicali e spartiti, Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico, Commercio al dettaglio di altri articoli per uso domestico nca, Commercio al dettaglio di registrazioni musicali e video in esercizi specializzati, Commercio al dettaglio di confezioni per adulti, Commercio al dettaglio di pellicce e di abbigliamento in pelle, Commercio al dettaglio di cappelli, ombrelli, guanti e cravatte, Commercio al dettaglio di articoli di pelletteria e da viaggio, Commercio al dettaglio di orologi, articoli di gioielleria e argenteria, Commercio al dettaglio di mobili per ufficio, Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte), Commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato, Commercio al dettaglio di arredi sacri ed articoli religiosi, Commercio al dettaglio di chincaglieria e bigiotteria (inclusi gli oggetti ricordo e gli articoli di promozione pubblicitaria), Commercio al dettaglio di articoli per le belle arti, Commercio al dettaglio di armi e munizioni, articoli militari, Commercio al dettaglio di filatelia, numismatica e articoli da collezionismo, Commercio al dettaglio di spaghi, cordami, tele e sacchi di juta e prodotti per l’imballaggio (esclusi quelli in carta e cartone), Commercio al dettaglio di articoli per adulti (sexy shop), Commercio al dettaglio di altri prodotti non alimentari nca, Commercio al dettaglio di libri di seconda mano, Commercio al dettaglio di mobili usati e oggetti di antiquariato, Commercio al dettaglio di indumenti e altri oggetti usati, Case d’asta al dettaglio (escluse aste via internet), Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ortofrutticoli, Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ittici, Commercio al dettaglio ambulante di carne, Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti alimentari e bevande nca, Commercio al dettaglio ambulante di tessuti, articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento, Commercio al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie, Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti, Commercio al dettaglio ambulante di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura; attrezzature per il giardinaggio, Commercio al dettaglio ambulante di profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti per qualsiasi uso, Commercio al dettaglio ambulante di chincaglieria e bigiotteria, Commercio al dettaglio ambulante di arredamenti per giardino; mobili; tappeti e stuoie; articoli casalinghi; elettrodomestici; materiale elettrico, Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti nca, Commercio al dettaglio di prodotti vari, mediante l’intervento di un dimostratore o di un incaricato alla vendita (porta a porta), Servizi di cura degli animali da compagnia (esclusi i servizi veterinari), Altre attività di servizi per la persona nca, 493220 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente, 493901 - Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano, 522190 – Altre attività connesse ai trasporti terrestri NCA, 552051 - Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence, 552052 - Attività di alloggio connesse alle aziende agricole, 553000 - Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte, 559020 - Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero, 561012-Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole, 563000-Bar e altri esercizi simili senza cucina, 591300 - Attività di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi, 591400-Attività di proiezione cinematografica, 749094 - Agenzie ed agenti o procuratori per lo spettacolo e lo sport, 773994 - Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi, 799011 - Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento, 799019 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio, 799020 - Attività delle guide e degli accompagnatori turistici, 823000-Organizzazione di convegni e fiere, 900101 - Attività nel campo della recitazione, 900109 - Altre rappresentazioni artistiche, 900201 - Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli, 900209 - Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche, 900309 - Altre creazioni artistiche e letterarie, 900400-Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche, 920009 - Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo), 931130-Gestione di impianti sportivi polivalenti, unico versamento, entro il 30 novembre, se l’acconto è inferiore a 257,52 euro. Un rinvio che assume i contorni di una “rimessione in termini”, e che si rende … trasparenza fiscale. Considerando però che le scadenze delle imposte sui redditi e dei contributi INPS vanno di pari passo, è però lecito chiedersi se la proroga al 2021 sia o meno onnicomprensiva. Proroga secondo o unico acconto imposte 2020 del decreto Ristori-bis: ecco cosa prevede in dettaglio l'articolo 6 del decreto Ristori bis approvato dal governo e già pubblicato in Gazzetta Ufficiale: Art. Un aspetto da evidenziare è che la proroga del secondo acconto delle imposte appare di portata assai “limitata.”. L’acconto è pari al 100% dell’imposta dichiarata nell’anno e deve essere versato in una o due rate, a seconda dell’importo: A differenza del primo acconto, il secondo acconto del 30 novembre 2020 non può essere rateizzato, ed entro la fine di novembre bisogna versare l’importo integrale delle imposte dovute. Scadenza secondo acconto imposte 2020, proroga a metà nel decreto Ristori quater.. Il rinvio in arrivo con il decreto Ristori quater riguarderà solo le partite IVA, mentre resta fermo il termine del 30 novembre 2020 per lavoratori dipendenti e pensionati.. In caso contrario, bisogna invece passare alla verifica successiva, analizzando le regole di maggior favore previste dal decreto Ristori bis. Bonus Bebè per i nati nel 2020: presentazione DSU per ISEE 2021. Non è ancora chiaro se possa essere applicata anche per il versamento del secondo acconto alla Gestione Separata Inps la proroga al 30.04.2021 prevista dal D.L. Il 30 novembre 2020 è la data “canonica” di scadenza della seconda o unica rata di acconto delle imposte sui redditi. Decreto Ristori Bis, De Lise: “Fare chiarezza su rinvio contributi Inps e zone rosse” editato in: 2020-11-12T11:31:16+01:00 da QuiFinanza 12 Novembre 2020 Iscrizione ROC n. 31534/2018, Leggi l'informativa sulla Privacy | Redazione e contatti, Questo sito contribuisce all'audience di Il primo appuntamento con i versamenti del secondo acconto Irpef, Ires, Irap ed imposte sostitutive è arrivato, ma non riguarda tutti i titolari di partita IVA. se hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel primo semestre 2020 rispetto al primo semestre 2019; Contributi previdenziali. RIFERIMENTI NORMATIVI Art.98 DL 104/2020, modificato e ampliato da Art.6 DL 149/2020 Il c.d. due rate, se l’acconto è pari o superiore a 257,52 euro. Proroga scadenze imposte 2020, i requisiti per il rinvio del secondo acconto Il termine del 30 novembre 2020 slitta al 30 aprile 2021, ma esclusivamente per i contribuenti che hanno subito una riduzione di fatturato o corrispettivi pari almeno al 33% nel primo semestre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ma chi sono per ora i soggetti interessati? 98 del DL 104/2020, ribattezzato Decreto Agosto, con grande stupore ha disposto la proroga del versamento della seconda rata dell’acconto sulle imposte dei redditi 2020, previsto come al solito al 30/11. Riportiamo di seguito l’elenco dei codici ATECO di cui all’allegato 2 del decreto Ristori bis, necessario per individuare quali sono le partite IVA beneficiarie della proroga senza vincolo di fatturato: Ecco invece l’elenco dei codici ATECO di cui al decreto Ristori n. 137/2020 aggiornato dal decreto n. 149 del 9 novembre 2020: Al netto delle misure sopra analizzate per i soggetti ISA, il decreto Ristori quater estende il rinvio al 30 aprile 2021 dei versamenti relativi alla dichiarazione dei redditi alle imprese con un fatturato non superiore a 50 milioni di euro nel 2019 e che hanno registrato un calo del 33% del fatturato nei primi sei mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. Dal decreto di agosto si continuano a ricevere, come riporta trendonline.com, proroghe per i lavoratori che si sono ritrovati a casa e con i pagamenti in ritardo. La proroga del secondo acconto delle imposte sui redditi 2020 si slega dal requisito del calo di fatturato anche per i ristoranti in zona arancione. Leggi di più: Proroga secondo acconto 2020 nel decreto Agosto: ecco come funziona. il Consiglio dei ministri ha aprovato anche il decreto Ristori quater, proprio ad un soffio dalla scadenza del secondo acconto Irpef, Ires ed Irap fissato al 30 novembre 2020. 6 (Estensione proroga del termine di versamento del secondo acconto per i soggetti che applicano gli indici sintetici di … Già a regime infatti è possibile ricalcolare la seconda rata di acconto, nel caso di riduzione di reddito, proprio al fine di evitare di pagare più di quanto effettivamente dovuto. Contributi Inps artigiani e commercianti: confermata la scadenza di oggi, 16 novembre 2020. Proroga scadenza imposte 2020, slitta al 10 dicembre il secondo acconto per tutte le partite IVA escluse dall’ulteriore rinvio al 30 aprile 2021. Il primo passaggio è analizzare se il titolare di partita IVA rientra nei requisiti previsti dal decreto Agosto. La scadenza del 30 novembre 2020 resta invece in calendario per i lavoratori dipendenti ed i pensionati. Rinvio di soli dieci giorni, da ieri al 10 dicembre prossimo, del versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap, per taluni “operatori economici”. La già ampia proroga sopra analizzata, si estende ulterioremente con il decreto Ristori quater. Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018 Ai sensi del decreto Ristori quater, tutti i titolari di partita IVA beneficiano del rinvio della scadenza dal 30 novembre al 10 dicembre 2020. Partite IVA alla cassa il 10 dicembre 2020 per il secondo acconto delle imposte sui redditi. Non sembra rientrare nel rinvio anche la scadenza del secondo acconto dei contributi INPS eccedenti il minimale. Modello Redditi 2020: la gestione del secondo acconto Inps artigiani e commercianti e della gestione separata . Notizia 23/12/2020. nel primo semestre 2020 abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019. Come anticipato dal MEF, si va verso il rinvio del secondo acconto delle imposte sui redditi dal 30 novembre al 10 dicembre 2020 per tutte le partite IVA. Proroga per il versamento del secondo acconto Irpef, Ires e Irap fino a dicembre 2020, con una norma nel decreto 'Ristori Quater', in corso di adozione / C.F. ... La proroga del secondo o unico acconto 2020 del decreto Agosto. Si ricorda che entro il prossimo 30 novembre andrà versato anche il secondo acconto INPS per i soggetti iscritti, la cedolare secca sulle locazioni e IVIE/IVAFE. Se, invece, utilizza il metodo “previsionale”, è tenuto a versare il secondo acconto pari al 60% (ovvero al 50% se applica gli ISA) dell’imposta complessiva presumibilmente dovuta per il periodo d’imposta 2020 e l’eventuale saldo da determinare al netto del primo acconto “figurativo” e del secondo acconto corrisposto. Articolo aggiornato al 9 dicembre 2020 17:10, COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA. La proroga svincolata dalla perdita subita si applica nel caso di esercizio di attività incluse nei due elenchi dei codici ATECO allegati al decreto Ristori bis, ma a patto che la sede dell’attività rientri tra le zone rosse. Il decreto Ristori bis, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e contenente ulteriori misure di sostegno all’economia dopo le altre restrizioni disposte dal Dpcm 3 novembre a fronte dell'aumento della curva epidemiologica Covid-19, con la famosa distinzione dell'Italia in zone rosse, arancioni e gialle, ha previsto tra le altre cose, anche la proroga del versamento del secondo o unico acconto delle imposte dal 30 novembre al 30 aprile 2021. Analogamente, il rinvio al 16 marzo 2021 non opera rispetto al termine per il pagamento dei contributi previdenziali, sospesi in riferimento al Comune di Lampedusa e Linosa, fissato al 21 dicembre 2020. Il calendario delle scadenze fiscali di Ottobre 2020 Il decreto Ristori quater istituisce inoltre un Fondo finalizzato a realizzare nel 2021 la perequazione delle misure fiscali e di ristoro concesse con i provvedimenti emergenziali adottati nell’ambito della emergenza COVID-19, da destinare ai soggetti beneficiari di sospensione fiscali e contributive e che registrano una significativa perdita di fatturato. Proroga per il versamento del secondo acconto Irpef, Ires e Irap fino a dicembre 2020, con una norma nel decreto 'Ristori Quater', in corso di adozione RINVIO AL 30/04/2021 Ricorrendo le condizioni di cui sopra, il secondo acconto delle imposte 2020 potrà essere versato entro il 30 aprile 2021. Il rinvio del secondo acconto è stato programmato al 30 aprile del 2021. La proroga si applica altresì ai ristoranti in zona arancione. Soddisfatti i requisiti reddituali, tali soggetti potranno beneficiare del rinvio del termine di versamento della seconda o unica rata d’acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap al 30 aprile 2021. Il decreto Ristori quater apre le porte della proroga anche alle partite IVA non ISA, con ricavi fino a 50 milioni di euro, sempre però a patto di aver subito una perdita di fatturato pari almeno al 33% sul semestre. Si ricorda che, in linea generale, l’acconto Irpef è dovuto se l’imposta dichiarata nell’anno al netto delle detrazioni, dei crediti d’imposta, delle ritenute e delle eccedenze, è superiore a 51,65 euro. Se uniamo la norma ordinaria con le novità sul metodo previsionale, emerge chiaramente che i benefici della proroga del secondo acconto del 30 novembre 2020 saranno limitati a poche casistiche. Attenzione però, perché non tutti i contribuenti beneficiano del rinvio. Per i titolari di partita IVA che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvai gli ISA, compresi i forfettari, il decreto agosto proroga la scadenza del secondo o unica rata di acconto delle imposte sui redditi 2020. Se quindi si rispetta tale condizione, la strada per il rinvio della scadenza è tutta in discesa. Proroga secondo acconto. Bonus Bebè per i nati nel 2020: presentazione DSU per ISEE 2021 ... Accedendo a questa sezione puoi avere informazioni sui canali utilizzati da INPS per essere in contatto con la propria utenza. Contributi INPS senza proroga: il 16 novembre 2020 è la scadenza della terza rata dei contributi fissi dovuti dai titolari di partita IVA iscritti alla gestione separata artigiani e commercianti. Non c’è, attualmente, un rinvio del termine di versamento […] Non è previsto alcun requisito legato al calo di fatturato e, quindi, nessun requisito reddituale. Il margine di tolleranza del 20% salva dal “rischio sanzioni.”, Articolo originale pubblicato su Informazione Fiscale qui: Contributi INPS artigiani e commercianti, la scadenza della terza rata dei contributi fissi è ancorata alla data del 16 novembre 2020. Il secondo acconto per l’anno 2020 dei contributi alla gestione Separata dell’Inps Bonus baby sitter e centri estivi: la circolare dell’Inps Riaperture: le misure in vigore da oggi, 18 maggio L’art. In conclusione, potranno versare il secondo acconto delle imposte 2020 entro il 30 aprile 2021: Potranno fruire di questa proroga, oltre coloro che hanno subito un calo del fatturato pari al 33% nel primo semestre del 2020 , anche coloro che secondo quanto evidenzia dal quotidiano Il Sole 24 Ore in edicola oggi: È questo quanto previsto dal decreto agosto. Nel decreto Ristori quater nuova proroga del secondo acconto 2020. Altri 100 milioni con la Legge di Bilancio, Bonus bancomat 2020: come funziona? : 13886391005 Prima il decreto Agosto, poi il decreto Ristori-bis e infine il decreto Ristori quater hanno creato un vero e proprio rebus di verifiche per capire quando si paga il secondo acconto delle imposte sui redditi 2020. Non è ancora chiaro se possa essere applicata anche per il versamento del secondo acconto alla Gestione Separata Inps la proroga al 30.04.2021 prevista dal D.L. RIFERIMENTI NORMATIVI Art.98 DL 104/2020, modificato e ampliato da Art.6 DL 149/2020 Ma alcuni contribuenti potranno avere diritto di rinviare il versamento del secondo acconto 2020 al 30 aprile 2021. Con l’articolo 98 del decreto legge n. 104/2020, il secondo acconto delle imposte sui redditi 2020 per i soggetti ISA ed i forfettari è stato prorogato al 30 aprile 2021, ma solo per le partite IVA che hanno subito una riduzione di fatturato. il rinvio al 30 aprile 2021 del termine di versamento per il secondo o unico acconto delle imposte in scadenza il 30 novembre 2020. Il 30 novembre 2020 scade il termine di versamento del secondo acconto 2020 dei contributi previdenziali IVS e Gestione separata INPS e, come noto, è possibile effettuare il calcolo applicando il “metodo storico" ovvero il “metodo previsionale”. il rinvio al 30 aprile 2021 del termine di versamento per il secondo o unico acconto delle imposte in scadenza il 30 novembre 2020. E' stato deciso un rinvio al 10 dicembre per tutti i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione. Uno dei pochi punti fermi è la proroga al 10 dicembre 2020 che, come evidenziato nel Ristori quater, riguarda gli esercenti attività d’impresa, arte o professione, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato. Commercialista Articolo, decreto ristori, mef, rettifico. Proroga secondo acconto imposte, dichiarazione dei redditi e Irap: rinvio al 10 dicembre 2020 Novembre 27, 2020 Luigi Specchio Dott. 6 (Estensione proroga del termine di versamento del secondo acconto per i soggetti che applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale). Decreto Agosto, ha previsto diversi interventi riguardanti il rinvio di scadenze fiscali.Tra queste, all’articolo 98, troviamo anche lo spostamento dal 30/11/2020 al 30/04/2021 del secondo acconto delle imposte: tale rinvio però riguarda soltanto alcuni soggetti ed alla presenza di particolari requisiti.. L’articolo 6 del decreto Ristori bis n. 149/2020 prevede, per le partite IVA che esercitano attività per le quali sono approvati gli ISA, la possibilità di accedere alla proroga del secondo acconto delle imposte sui redditi senza la verifica del calo di fatturato registrato. Decreto Ristori Bis, De Lise: "Fare chiarezza su rinvio contributi Inps e zone rosse" ... Pubblicato il 12/11/2020 Ultima modifica il 12/11/2020 alle ore 11:09 Teleborsa ... l'opportunità di prorogare i versamenti del secondo acconto imposte sui redditi e Irap al 30 aprile 2021. La proroga lunga al 30 aprile 2021 non è per tutti, ma si applica solo nel rispetto di determinati requisiti. Scadenza secondo acconto cedolare secca 2020, proroga al 10 dicembre per tutte le partite IVA, con possibilità di accedere al rinvio lungo ad aprile 2021 in caso di calo di fatturato. Tra i numerosi emendamenti approvati al … Vediamo dunque nel dettaglio tutti gli appuntamenti fiscali e contributivi che ci aspettano nel mese di Ottobre. Il rinvio dei versamenti per le partite IVA è stato oggetto di un successivo intervento, ad opera dell’articolo 6 del decreto 149/2020 (Ristori-bis), che ha eliminato il vincolo del calo di fatturato per le partite IVA che esercitano attività economiche particolarmente danneggiate dalle nuove restrizioni, se in zona rossa. Dal decreto di agosto si continuano a ricevere, come riporta trendonline.com, proroghe per i lavoratori che si sono ritrovati a casa e con i pagamenti in ritardo. a) Proroga al 10/12/2020 per tutti i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione: il decreto provvede alla proroga dal 30/11/2020 al 10/12/2020 del termine di versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP (e gli va dietro l'acconto INPS). Il rinvio del secondo acconto per le imposte e per l’Irap trova la via delle rate. Il rinvio del secondo acconto trova la via delle rate - ItaliaOggi.it Il rinvio del secondo acconto per le imposte e per l’Irap trova la via delle rate. Commercialista decreto ristori , dichiarazioni , governo , irap , pagamento , Redditi , rinvio Un termine che è stato prorogato al 10 dicembre 2020 per le partite IVA, ma che non è stato oggetto di proroga per lavoratori dipendenti e pensionati. Dl Ristori bis, proroga secondo acconto imposte 2020 al 31 aprile 2021: Proroga secondo o unico acconto imposte 2020 del decreto Ristori-bis: ecco cosa prevede in dettaglio l'articolo 6 del decreto Ristori bis approvato dal governo e già pubblicato in Gazzetta Ufficiale: Art. Analogamente, il rinvio al 16 marzo 2021 non opera rispetto al termine per il pagamento dei contributi previdenziali, sospesi in riferimento al Comune di Lampedusa e Linosa, fissato al 21 dicembre 2020.